Film Regalo di Natale di Pupi Avati

Il nostro sito essenzialmente si occupa di doni e strenne però non potevamo dimenticare o lascare in secondo piano il film Regalo di Natale del regista Pupi Avati uscito nelle sale cinematografiche nel 1986.
La pellicola è stato un successo importante tanto da raccogliere molti spettatori anche ai giorni nostri ed il fatto di avere avuto un sequel è un altro attestato del successo nazionale e internazionale ottenuto.

Sceneggiatura e trama di Regalo di Natale

La figura di Pupi Avati è sicuramente imprescindibile per la realizzazione del film: infatti oltra esserne il regista ne è pure l’ideatore del soggetto che della sceneggiatura. La sua impronta è pertanto tangibile dai titoli di inizio fino a quelli di coda, portando quel suo magico tocco, che ha permesso di farne un film apprezzato in tutto il mondo.
Tutto accade la viglia di Natale e si svolge all’interno di una villa dove si danno appuntamento i protagonisti per una partita di poker. La storia vede sostanzialmente come protagonisti i 5 attori che siederanno al tavolo da gioco per la partita:

  • Franco Mattioli (Diego Abatantuono)
  • avvocato Santelia (Carlo Delle Piane)
  • Gabriele Bagnoli (Alessandro Haber)
  • Ugo Bondi (Gianni Cavina)
  • Stefano Bertoni (George Eastman)

Ci troviamo di fronte ad un film sottile e con ampi risvolti psicologici analizzanti con grande cura e maestria da parte di Pupi Avati: un film appassionate fino all’ultimo minuto.
Molto intriganti diventano i flash back in cui si presentano le storie dei 5 personaggi: esperienze e situazioni diverse di queste persone che si troveranno al tavolo accomunati dal desiderio di vincere la partita ( e i soldi).
La grande notte della viglia di Natale ruota attorno alla figura di Carlo delle Piane, un avvocato noto per perdere delle grandi cifre al tavolo da gioco ed invitato per l’occasione per lasciare denaro al termine della serata.

In breve si delineano subito i protagonisti di questa notte: l’avvocato Santella da una parte e Franco Mattioli dall’altra.
Proprio loro 2 saranno i protagonisti della ultima parte della partita, giocata fil di nervi e perfettamente guidata dall’occhio attento del regista Pupi Avati.
Il finale, per chi non lo avesse ancora visto, non lo raccontiamo per non togliere suspence e passione a questa pellicola che fa sempre apprezzarsi da un pubblico giovane e adulto.

La Rivincita di Natale

A distanza di 18 anni (2004), è da segnalare l’uscita del sequel della pellicola del 1986.
Pupi Avati si rimette in discussione, cavalcando un po’ il successo del precedente e un po’ per proseguire in quella analisi interiore, tema a lui sempre molto caro.

L’aspetto certamente più intrigante di questa produzione, è che al tavolo da gioco, il 24 dicembre di 18 anni dopo si ritrovano i protagonisti di Regalo di Natale.
Siamo di fronte pertanto ad un cast di tutto rispetto, con i capelli imbiancati, ma in grado di regalarci grandi emozioni.

Come per tutte le seconde uscite, i pareri sono spesso discordanti, ed anche per La Rivincita di Natale, la storia si è ripetuta.
Dal nostro (umile) punto di vista, la storia appare un po’ più ingarbugliata della precedente, e questo finisce per togliere qualcosa asl momento della partita.
A fronte di questo, va sicuramente detto, che ci troviamo di fronte a 18 anni segnati da profondi cambiamenti sociali, che richiedevano di essere trattati in maniera diversa dal precedente e nulla vogliamo togliere alla maestria di Pupi Avati

Premi e riconoscimenti

al di là dei titoli conseguiti, con Regalo di Natale ci troviamo di fronte ad una opera importante con un cast capace di esaltare la narrazione e tutti gli aspetti psicologici che si nascondono dietro ad un tavolo da poker.
Pupi Avati si conferma ancora una volta abilissimo a cogliere gli aspetti psicologici più nascosti e segreti di una persona: grazie ad un cast importante riesce a metterli in mostra ed esaltarli per vivere 2 ore piacevoli e appassionanti.
il film fu presentato alla 43ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e fu subito accolto da pubblico e critica.
Non passò certa inosservata la performance di Carlo Delle Piane per la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile di quella edizione.

Nel 1987 sono arrivati poi i riconoscimenti al David di Donatello per:

  • Migliore canzone originale (Regalo di Natale – Riz Ortolani)
  • Miglior suono (Raffaele De Luca)
  • Candidatura miglior film a Pupi Avati
  • Candidatura miglior regia di Pupi Avati

e al Nastro d’argento

  • Migliore attore non protagonista (Diego Abatantuono)

I titoli sono importanti, però il successo nelle sale e il gradimento del pubblico è la migliore risposta nei confronti di certi riconoscimenti. Il fatto di parlarne ancora a distanza di oltre 30 anni è il migliore avallo che questo film possa avere avuto.

Vedere o non vedere Regali di Natale

La sfida Carlo Delle Piane – Abatantuono è molto intrigante, con i 2 attori italiani pronti a sfidarsi non solo a colpi di fiches: fra battute dagli ampi risvolti psicologici perfettamente guidati dal grande regista bolognese il film scorre veloce ed in maniera molto coinvolgente fino al grande duello finale, dove la suspence sale ulteriormente.
In fondo aggiungere qualcosa alla bravura di Abatantuono e soprattutto di Delle Piane è inutile, come elogiare ancora le capacità di Pupi Avati: questo dovrebbe già farti capire come possa pensarla su di questo film: Regalo di Natale è una pellicola da vedere e magari rivedere a distanza di un po’ di tempo. Magari intervallata dalla proiezione del sequel La Rivincita per non perdere la concentrazione da questa delicata e appassionante sfida giocata alla grandissima da 2 grandi attori come Abatantuono e Delle Piane.

Dettaglio
FIlm Regalo di Natale
Titolo
FIlm Regalo di Natale
Descrizione
Il film Regalo di NAtale di Pupi Avati uscì nelle sale cinematografiche nel 1986 ed ancora oggi conserva inalterato il suo fascino. Trova le informazioni sulla sceneggiatura e vedi alcune immagini promozionali di questa pellicola
Autore
Publisher
Buoni Frutti
Logo

Sul nostro sito sono impiegati cookies per una migliore funzionalità. Sono presenti cookies strutturali e di profilazione compresi quelli di terze parti al fine di fornire gli strumenti social o annunci mirati oltre ai dati statistici sul traffico. Cliccando sul bottone “ Sì, Accetto “ consentirai l’impiego dei cookies per una migliore esperienza di navigazione sulle nostre pagine. Leggi la Privacy and Cookie Policy